Una sconfitta, quella di sabato contro la Pol. Monti Cimini, che non cancella quanto di buono fatto finora. Ne è fortemente convinto Mister Danilo Pistillo che, nonostante la pausa per le festività pasquali, mantiene alta la concentrazione della sua Juniores in vista del rush finale.

Mister, nonostante il 2-1 incassato a Vignanello, il comportamento della squadra è piaciuto allo staff?

Prima della partita avevo chiesto ai miei di entrare con lo spirito giusto sapendo che gli avversari erano tosti, il campo era grande e pesante, di erba naturale, sapevo che potevamo andare incontro a delle insidie. Dovevamo partire aggressivi per farli stancare e coglierli di sorpresa. Questo non è successo: sono stati loro ad entrare in campo come avremmo dovuto fare noi. All’inizio abbiamo sofferto, nonostante abbiamo avuto qualche occasione. Nel secondo tempo siamo stati più cattivi: il loro gol in contropiede è stato una batosta. Poi ci siamo ripresi, abbiamo spinto e trovato il pareggio. Un errore arbitrale, che nel calcio può capitare, ha influito sul loro secondo gol. L’espulsione di Cicolella non ci ha intimoriti e abbiamo continuato ad attaccarli, cercando il pareggio che però, purtroppo, non abbiamo siglato. Ho un unico rammarico: ci siamo svegliati troppo tardi.

Dopo questa sconfitta come verrà imposto il lavoro in allenamento? Su quali punti la squadra deve lavorare?

Bisogna lavorare come abbiamo sempre fatto. Sicuramente dovremo approfondire alcuni punti specifici, situazioni tattiche che non mi sono piaciute contro i Monti Cimini. Se lavoriamo bene in settimana, i risultati arrivano.

Mancano 8 partite alla fine della stagione: sei contento del lavoro svolto finora?

La squadra è stata composta all’ultimo minuto. Ho iniziato con 13 giocatori al campo, di cui 3 portieri. Amalgamare il gruppo non è stato semplice, dati i vari nuovi innesti che si succedevano giorno dopo giorno. In ogni caso, ci sono stati dei grandi miglioramenti a livello di squadra che onestamente non mi aspettavo. I ragazzi si sono applicati giorno dopo giorno e hanno capito determinate cose che gli ho chiesto. Se siamo in alto in classifica, il merito è della loro dedizione.

Situazione classifica: ora siamo quinti. Dove possiamo arrivare?

Prima di questa giornata eravamo terzi a pari punti con il Grifone. Abbiamo perso ed ora siamo quinti, a 5 punti dalla seconda. Mancano 8 partite, quindi 24 punti ancora in palio. Ce la possiamo fare: dipende da noi!